mercoledì, gennaio 29, 2014

Creativi sì, coglioni no

#coglioneNo è una campagna di sensibilizzazione sul tema dello sfruttamento dei giovani creativi, realizzata dal collettivo ZERO e che sta letteralmente spopolando sul web.
Un modo per tutelare (o quanto meno provare a farlo) tutte quelle attività che vivono una condizione difficile e subiscono una notevole svalutazione, soprattutto in Italia.
Un po’ provocazione, un po’ facezia, un po’ denuncia, #coglioneNO nasce così da esigenze reali di chi vive di creatività.
Sul loro sito spiegano: “Vogliamo ricordare a tutti che siamo giovani, siamo freelance, siamo creativi ma siamo lavoratori, mica coglioni!”. Tre sono i video della campagna, che sposta su altri lavori le risposte e le reazioni tipiche del mondo dei freelance creativi: dall’idraulico all’antennista, passando per il giardiniere, la risposta è sempre «per questo progetto non c’è budget». Ve li propongo perchè li trovo uno strumento per far riflettere sulla condizione lavorativa di molti giovani professionisti e, più in generale, sulle "distorsioni" avvenute negli ultimi trenta/quarant'anni nel mondo del lavoro nel nostro paese.

Fonte: YouTube.com